Pomi e tipicità tra le colline d’Oltrepò

Stando alla saggezza popolare una mela al giorno leva il medico di torno. Nella girandola delle delizie di stagione tocca al frutto più destagionalizzato prendersi la sua parte di notorietà, nella giornata che Bagnaria dedica, ogni anno nel mese di ottobre, proprio alla mela.
Il piccolo centro dell’Oltrepò Pavese – noto anche per essere, nei mesi estivi, produttore di ottime ciliegie – ha tenuto viva la tradizione. Così anche per il 2011, approfittando della domenica baciata dal sole, ecco garantita per gli aficionados e le facce nuove la Festa della Mela, edizione numero 24°. Una certezza, ormai!
Tante le bancarelle di prodotti nostrani ad affollare la via principale: una vera manna per i cacciatori di tipicità che di sicuro non se ne saranno andati a mani vuote. Già perché sui banchi della piazza e lungo tutta la strada si trovava ogni ben di dio, dalla pasta artigianale ai formaggi, ai vini: tutto l’occorrente per apparecchiare la tavola “alla pavese”.
Naturalmente il vero cuore pulsante della manifestazione è stato il Mercato Ortofrutticolo Comunale, colorato di pomi maturi e invitanti e letteralmente permeato di profumi capaci di far venire l’acquolina in bocca.
E qualche fortunato avrà anche avuto l’opportunità di testare la buona sorte e di ipotecare una bella scorpacciata perché, come vuole la tradizione, anche quest’anno l’amministrazione comunale di Gialuigi Bedini ha messo in palio una quindicina di premi da 30 kg di mele l’uno. Un bottino a estrazione che, se la leggenda dice il vero, sarà più che sufficiente a levare di torno tutti i medici del mondo!

no images were found


Voto 7
Positivo: La genuinità della tradizione
Negativo: La lunga coda che ci è toccata al ritorno, si presume grazie alla rotonda di Rivanazzano.

Marco Ragni


10 Ottobre 2011

Vedi altre sagre in provincia di Pavia