bones-spotlite

Serve un imponente volume di ben 1348 pagine per racchiudere i 55 episodi che compongono la serie completa di Bone. Per gli appassionati di comics, la saga a fumetti di Jeff Smith non ha bisogno di presentazioni. Parlano i numeri: dieci premi Eisner e undici premi Harvey rendono l’epopea fantasy una pietra miliare del genere, definita da Time Magazine “una delle dieci opere a fumetti più importanti di tutti i tempi”.

Bone Bao PublishingPer la gioia dei lettori italiani quelli di Bao Publishing si sono presi la briga di mettere mano a questo grande classico che negli USA è stato pubblicato dal 1991 al 2004. Il risultato è Bone – L’Integrale, massiccio tomo di cui sopra che permette una full immersion nelle peripezie dei cugini Bone, tre bizzarre creaturine che sembrano uscite da un cartone animato per bambini. L’aspetto dei personaggi principali non deve però ingannare perché Jeff Smith non aveva nessuna intenzione di rivolgersi a un pubblico infantile. La saga infatti è qualcosa di più unico che raro, capace di fondere umorismo e epica moderna, citando pezzi di letteratura classica come Melville e Dickens.

Fin dalle prime pagine il lettore, spinto a identificarsi con i tre Bone (e con Fone, in particolare), si trova a vagare in una terra sconosciuta che è fuori da tutte le mappe e che va scoperta un poco alla volta. Capitolo dopo capitolo, un mondo meraviglioso prende forma, popolandosi di personaggi perfettamente delineati, che si lasciano scoprire attraverso raffinati dialoghi fino a diventare del tutto verosimili. Sulla valle misteriosa incombe, naturalmente, una minaccia che sarà la spina dorsale della saga. Toccherà ai tre esserini diventare protagonisti di una grande impresa, un’avventura che non vi racconterò perché può essere apprezzata appieno solo con il metodo tradizionale: la lettura del fumetto. Trattenete il respiro fino all’ultima pagina, mi raccomando!

Voto: 7,5

Positivo: splendida edizione che racchiude integralmente un classico e che per di più si fregia delle note a margine di un certo Neil Gaiman, mica uno qualunque…

Negativo: fisicamente il volume ha il suo peso e non è facilissimo da maneggiare o da portare in giro. Non si può avere tutto, del resto.

Marco Ragni

4 luglio 2014