Come apprezzare ogni aspetto del fascino silvestre

 I boschi possono essere visti in diversi modi. Daniel Myrick ed Eduardo Sanchez, gli autori di The Blair Witch Project, ne fecero emergere un lato misterioso e opprimente, molto distante dalla visione che ne aveva, per esempio, Henry David Thoreau, che in una delle sue opere più famose (intitolata appunto “Walden, vita nei boschi”) cercò il rapporto intimo tra l’indole dell’artista e l’essenza stessa della natura.

Sul lato silvestre del pianeta c’è molto da dire e infatti Lorenza Russo molto ha detto, scrivendo un libro per Hoepli dal titolo schietto, “Camminare nei boschi”, e dai contenuti eterogenei ma armonici.

È evidente che l’opera, un po’ manuale e un po’ volume fotografico, affonda le sue radici in una passione che l’autrice coltiva dall’infanzia. Nella breve biografia che si trova in quarta di copertina si legge che la scrittrice “cammina in montagna da quando era bambina” e le passeggiate, si sa, aiutano a far vagare la mente, a cogliere dettagli, a entrare in contatto con se stessi e con quel che ci circonda.

Nasce forse così, da un infatuazione di lunga data, un volume che tocca ogni aspetto del tema bosco. Un libro che si apre con nozioni storiche e folkloristiche e che procede, capitolo dopo capitolo, ad affrontare argomenti come la vegetazione, i funghi, il mutare dei luoghi con le diverse stagioni.

Naturalmente c’è spazio anche per l’uomo e per il suo rapporto di lavoro o “di spirito” con la realtà della selva.

Per chi preferisce la pratica alla teoria non manca, a chiusura del manuale, una parte dedicata agli itinerari boschivi con spunti davvero interessanti.

Il tutto è illustrato da splendide fotografie capaci di rapire la fantasia del lettore e di portarla a spasso. E non c’è da dubitare che anche il corpo la seguirà…

 

Maia Fiorelli

5 dicembre 2012

 

Voto: 7

Positivo: la scelta di affrontare ogni aspetto della vita del bosco e le splendide immagini di supporto

Negativo: purtroppo lo spazio è tiranno e gli argomenti non possono essere troppo approfonditi

I NOSTRI CONSIGLI