Il clima di Austerity non risparmia il turismo

La BIT, Borsa Internazionale del Turismo, è per noi una tappa fissa di febbraio. Non potrebbe essere altrimenti considerando che la vetrina ci offre sempre spunti interessanti da approfondire durante i nostri reportage. Così anche l’edizione appena conclusa ci ha visti a zonzo per i padiglioni della Fiera di Milano (Rho), a caccia di materiale informativo e idee da concretizzare durante l’anno.

Come d’abitudine abbiamo anche partecipato al Cooking Show organizzato da Regione Puglia imparando i segreti delle braciolette di vitello podolico, specialità della ricca tradizione gastronomica locale.

L’edizione 2013 ci è sembrata più ridimensionata rispetto alle precedenti e solo la presenza degli stand istituzionali è apparsa grossomodo invariata.

L’atmosfera da Crisi era abbastanza evidente sia nel numero dei visitatori che nella scelte di molti espositori di dare un giro di vite a gadget gratuiti e a iniziative coreografiche.

Da segnalare, vista la particolarità del momento, l’inserirsi di proposte turistiche pronte a unire l’utile al dilettevole, come i pacchetti viaggio offerti da molti paesi dell’Europa orientale che hanno messo in vetrina soggiorni low cost dedicati alla cura dei denti.

In tempi di vacche magre anche iniziative simili sono da prendere in considerazione.

 Marco Ragni

18 febbraio 2013


Voto: 6,5

Positivo: la BIT è sempre una vetrina utile a chi cerca spunti interessanti

Negativo: il clima di Austerity era tangibile

Hai partecipato alla nostra lotteria dal 27 gennaio 2013? Ecco l’elenco dei numeri estratti!

I NOSTRI CONSIGLI