Vita e segreti dietro le canzoni

Photo by Associazione Amici di Piero Chiara (on Flickr) Creative Commons

Photo by Associazione Amici di Piero Chiara (on Flickr) Creative Commons

Un personaggio come Giorgio Faletti desta necessariamente curiosità. Ha iniziato come comico – chi non lo ricorda ai tempi del mitico “Drive In”? – per poi raggranellare successi dietro successi in altri campi: musica (un secondo posto a San Remo con “Signor Tenente”), scrittura (più di quattro milioni di copie vendute con il solo romanzo d’esordio, “Io Uccido”) ma anche pittura, cinema e via dicendo. Un eclettico di talento che magari non paragonerei a Leonardo da Vinci ma che di sicuro si è sempre fatto valere.

Un punto di incontro tra le diverse facce della sua creatività (almeno alcune) lo si trova nel libro “Da quando a ora”, un volume che è un po’ antologia di racconti e un po’ biografia e che è uscito per Einaudi (collana Stile Libero Extra) in un cofanetto che unisce il tomo a due CD musicali.

La scelta non è casuale perché nei vari capitoli che scandiscono lo scorrere delle pagine si trovano gli aneddoti di vita – vissuta o immaginata – che hanno dato forma alle canzoni contenute nei compact disc. Uno – “Quando” – fa capo alla prima parte del testo mentre l’altro – “Ora” – alla seconda.faletti da quando a ora-4-2

Una doppia anima più che mai necessaria perché racconta aspetti diversi del rapporto tra l’autore e le canzoni. Le prime 92 pagine sono scritte in prima persona, fortemente autobiografiche, e narrano del rapporto tra Faletti e altri artisti (Mina, Branduardi, Milva…) per il quale il nostro ha scritto dei brani. A partire dalla pagina 95 si passa alla terza persona, in uno stile diverso ma non meno intimo, e da lì in avanti si entra a contatto diretto con i pezzi del secondo CD, dei quali viene spiegata la genesi.

Parola dopo parola l’uomo dietro la penna (o la tastiera) si svela e prende forma, uscendo dalla dimensione multipla del comico/cantante/scrittore per diventare quasi un amico che confessa sogni, incertezze e fragilità alla base di ogni parto artistico che si rispetti.

Un libro interessante che può essere letto tutto d’un fiato o, all’occorrenza, preso in pillole, per scoprire i segreti celati dietro le canzoni.

 

Marco Ragni

25 giugno 2013

 

Voto: 7

Positivo: è sempre bello scoprire dove nasce un’idea e quali sono i sentimenti che la generano

Negativo: nella prima parte l’autore si perde con frequenza eccessiva dietro gli elogi rivolti agli amici artisti