Doni e sensazioni di Madre Natura

 

Photo by Alan Hern (on Flikr) Creative Commons

Raccogliere, accogliere, mettere in dispensa, dispensare, offrire, amare… amare follemente la vita.

“Elogio del fungo” (Casa Editrice Guanda) è un libro che parla del gesto della raccolta come un assaggio della vita che l’universo ci offre. È la cattura di un istante di amore totale, l’attimo colto che domani non sarà più. La comprensione della gioia che si può provare ogni giorno, se la si sa vedere.

Così Alina Reyes, l’autrice, tra i ricordi scritti come in un diario personale, raccoglie frutti, fiori, raccoglie con gli occhi la bellezza, gli uccellini, raccoglie i figli, raccoglie storie e parole per poterle conservare, in un vasetto, nell’armadio, nel cuore, negli occhi e nella bocca.

I suoi figli sono già vivi prima di nascere perché lei li vede, orsetti insicuri prima di uscire dal sonnolento letargo. La vita e la morte si susseguono naturalmente, vanno comprese, ma ognuna porta all’altra. Inizia tutto nell’orto dove nascono i fiori, i cavoli e i bambini e, nella stessa terra, tra le foglie secche, viene poi sepolto un uccellino, coi lombrichi che in qualche modo l’hanno aiutato a vivere per ricominciare, per non perdersi mai.

I sensi traducono i colori e li trasformano in profumi e poi in sapori e suoni. Li si può toccare.

Non ha più importanza quale sia il vero senso protagonista perchè ciò che alla fine rimane, raccolta per sempre, è un’emozione.

Così, ogni momento, la ricerca del nutrimento del corpo diventa il nutrimento dell’anima e mangiare un fungo è come nutrirsi di bosco e di cielo e nutrirsi di formaggio significa far entrare in sè il frutto del frutto della terra, il frutto dell’uomo che ha conservato e trasformato per noi la terra con amore.

Chi ha accarezzato un fiore prima di coglierlo potrà capire.

Maia Fiorelli

3 novembre 2012

Voto: 9

Positivo: i giochi di sensi che l’autrice riesce a creare

Negativo: qualche passaggio è talmente introspettivo che il lettore fatica a comprenderlo

I NOSTRI CONSIGLI