Il Giorno della Memoria nelle note e nei canti di una sopravvissuta

Gli Istituti storici per la Resistenza di Torino, Alessandria e Cuneo, insieme a Edizioni Seb27 e con il sostegno dei Comitati Resistenza e Costituzione di Regione e Provincia di Torino e del Goethe-Institut Turin, hanno proposto, in occasione del “Giorno della Memoria”, una intervista-concerto con Esther Béjarano.

Procediamo con ordine e, prima di parlare dell’evento, conosciamo meglio la protagonista.

Esther Béjarano, classe 1924, nasce in Germania in una famiglia di musicisti. Durante le persecuzioni razziali è deportata ad Auschwitz e, sapendo suonare la fisarmonica, viene inserita nell’orchestra femminile, gruppo che ha lo scopo di accompagnare musicalmente i prigionieri.

Questa drammatica esperienza di gioventù traspare ancora oggi, ben settant’anni dopo, nello sguardo e nelle parole di una donna che, col suo passo sicuro e gli occhi lucidi, è riuscita ad ammaliare tutti i presenti.

In giorni in cui uno stupido revisionismo si fa tristemente minaccioso, è importante che eventi del genere siano organizzati sempre più spesso e promossi capillarmente. L’iniziativa, promossa da diversi istituti di studi storici, ha coinvolto le città di Alessandria, Cuneo e Torino con tre brevi concerti in cui la protagonista, accompagnata dal bravissimo Gianni Coscia, ha deliziato i convenuti con la sua bellissima voce. Nel repertorio di Esther, soprano di valore ancora in grado di emozionare con il calore della sua voce, alcuni pezzi simbolo della resistenza che, per sua stessa testimonianza, venivano cantati proprio nei campi di sterminio.

Il racconto dell’esperienza vissuta è terribile ma al tempo stesso dolce e nostalgico. Sentire parlare un pezzo di memoria storica non ha prezzo e forse qualcuno dovrebbe ricordarselo.

Oltre al concerto è stato presentato il volume “La ragazza con la fisarmonica” e il DVD-documentario “Esther che suonava la fisarmonica nell’orchestra di Auschwitz”, video-testimonianza direttamente dalle parole della ragazza che, per qualche anno, ha sollevato almeno un po’ gli animi di sapeva di andare a morire.

 

Roberto Cera

28 gennaio 2013

Voto: 10

Positivo: un evento simile può solo essere positivo

Negativo: quanto accaduto dal 1939-1945 e la tendenza di molti a dimenticarlo

Hai partecipato alla nostra lotteria dal 27 gennaio 2013? Ecco l’elenco dei numeri estratti!

I NOSTRI CONSIGLI