Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, organizzata da Terre di mezzo Eventi ha tenuto banco per tutto lo scorso weekend negli spazi del quartiere fieristico di fieramilanocity. Anche questa quattordicesima edizione ha proposto molti spunti di valore.
Come gli scorsi anni c’eravamo anche noi e, durante la nostra visita, abbiamo fatto un giro tra gli stand, scoprendo alcune realtà davvero interessanti.

Agrisaponi Brillor

Ci siamo intrattenuti a lungo a parlare con ​Isabella Ballauri del Conte e Paola Polce, proprietarie di un’azienda agricola di Alice Superiore, tra la provincia di Torino e la Valle d’Aosta. Il loro campo è quello dei detergenti sostenibili, che permettono di pulire bene rispettando l’ambiente. L’origine vegetale dei loro prodotti li rende particolarmente adatti a chiunque, perché non hanno conseguenze su persone ipersensibili, bambini e animali domestici che potrebbero entrarvi in contatto. Per rendere l’idea vi basti sapere che potreste innaffiare le piante con la stessa acqua che avete usato per pulire i pavimenti. Niente male, vero?

Amjad Ghazo – Jordanian Spices

Profumi e colori d’oriente riempivano di fascino esotico questo stand dedicato alle spezie. Molti di noi ne fanno già largo uso in cucina ma è bene sapere che queste sostanze aromatiche non sono solo ottime per insaporire cibi e bevande ma hanno anche importanti proprietà curative: curcuma e zenzero, per esempio, sono due potenti antinfiammatori che possono aiutare in caso di problemi di fegato e alla prostata. Vale veramente la pena di approfondire la conoscenza delle spezie di Giordania, perciò vi lasciamo l’indirizzo email di Amjad Ghazo che sarà felice di rispondere alle vostre domande.

La Culla di Teby

Già durante la la scorsa edizione avevamo avuto il piacere di passare allo stand della Culla di Teby e di scoprire il loro innovativo brevetto di pannolino composto da una mutandina di cotone e da una culla impermeabile e traspirante, contenente un inserto assorbente lavabile o gettabile. Quest’anno il prodotto si è presentato in una serie di nuove fantasie in cotone biologico che presto saranno disponibili anche per la vendita online. Oltre a questa straordinaria invenzione l’azienda offre anche altre idee come le lavette (salviettine lavabili per bimbi), assorbenti lavabili, dischetti assorbilatte e panni struccanti da riutilizzare.

Oleificio Roccia

Allo stand dell’Oleificio Roccia abbiamo incontrato Pasquale che dopo averci stretto la mano ha deciso di lasciar parlare il suo prodotto, porgendoci il vassoio con alcuni pezzetti di pane cosparsi d’olio. Abbiamo accettato volentieri, scoprendo un sapore genuino che rimandava alla Puglia, Terra dove gli uliveti sono sconfinati e dove l’Arte del Frantoio offre i suoi prodotti migliori. Aveva ragione Pasquale: una fetta di pane bagnata con l’extravergine di oliva della Terra dei Grifoni ha un gusto davvero speciale che descrive il prodotto meglio di quanto potrebbero fare mille parole.

Alkemy

Il motto di Alkemy è body meets soul (il corpo incontra l’anima) e in effetti è proprio questo l’obiettivo della start up torinese che vuole conciliare carne e spirito in un benessere integrale. Per raggiungere questo scopo ambizioso hanno attinto niente meno che al sapere degli antichi egizi, a Paracelso e a Fibonacci e, forti di queste nobili scienze, hanno creato una serie di nutricosmetici, dermoattivi e integratori alimentari per il benessere e la bellezza di corpo e anima. Il loro metodo basato sul rispetto profondo dei principi vitali e sull’uso del potere delle piante è suggestivo e molto efficace. Non sarà l’elisir dell’eterna giovinezza ma ci siamo quasi…

Birra Millecento

I birrai marchigiani del Birrificio Millecento ci hanno ricordato, con boccali ricolmi e profumati, che da qualche tempo anche noi italiani siamo diventati bravi a produrre questa bevanda. Nel loro magico laboratorio nella Tenuta di San Cassiano a Fabriano, in provincia di Ancona, nascono quattro tipi di birra di grande qualità: Tommaso, la birra chiara, Giovanni, la birra bionda, Gregoire, la birra ambrata e Hugo, la birra scura. Nell’impossibilità di scegliere la migliore, tanto vale provarle tutte!

CreativaMente

Emanuele Pessi, il fondatore di CreativaMente, ama a tal punto giocare che ha trasformato il motto cartesiamo cogito ergo sum (penso dunque sono) in un originale ludo ergo sum (gioco dunque sono) che basta da solo a sintetizzare la filosofia aziendale. D’altra parte non ci si può aspettare di meno da qualcuno che, da ormai 15 anni, si occupa dell’ideazione e realizzazione di giochi per un pubblico che va dai 3 ai 99 anni. Secondo Emanuele i giochi devono lasciare un retrogusto educativo e contribuire all’evoluzione personale e sociale. Difficile non essere d’accordo con lui!