Una Graphic Novel di supereroi con superproblemi

I campioni duri e puri della Golden Age? Scordateveli! Avete presente il concetto di “Supereroi con superproblemi”? Beh, immaginatelo all’ennesima potenza e vi sarete fatti un’idea di cosa vi aspetta con Fuochi Fatui, graphic novel firmata dal duo Giustina Porcelli e Alberto Ponticelli e pubblicata da Edizioni BD.

Strizzando l’occhio a capisaldi come Marshal Law e al Wanted di Millar, la storia prende piede dalla geniale invenzione del Dottor Ipotalamo: un farmaco noto come Dopaman che può regalare a chiunque una vita da supereroe. Proprio così, superpoteri in pastiglie…niente di più facile.

Troppo bello per essere vero. Infatti ci sono gli immancabili effetti collaterali in agguato perché le nuove facoltà acquisite sono tutt’altro che stabili e, a lungo andare, finiscono per deteriorarsi in maniera non proprio piacevole.

Ecco allora che si rende necessario l’allestimento di un apposito ospizio di massima sicurezza dove stoccare i supereroi andati a male, perché non diventino dannosi per la società dei normali.

Visto che a gestire la clinica è proprio il Dottor Ipotalamo, “padre” della formula che rende super, c’è da stare tranquilli. O forse no…

L’opera della coppia Porcelli-Ponticelli ha nell’ironia e nell’uso del grottesco uno dei propri punti di forza. I personaggi sono delineati con tratti caricaturali che mettono alla berlina una realtà alla deriva, dove non si diventa supereroi per amore di giustizia o per senso civico ma per essere potenti e per arricchirsi. Un po’ come succede in politica, insomma.

Il volume è in bianco e nero con una forte predominanza di toni scuri. L’impatto è di grande effetto e cattura l’attenzione del lettore fin dalla prima vignetta.

Dulcis in fundo, nelle ultime pagine troverete una Director’s Cut che vi mostrerà un finale alternativo. Uno stratagemma, ormai abbondantemente utilizzato nelle versioni DVD delle produzioni cinematografiche, che ben completa un opera di piacevole lettura.

Marco Ragni

09 agosto 2012