EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

DESERT STORM

Il libro Io sono Leggenda mi è capitato per le mani in un momento di depressione da lettrice insoddisfatta. Venivo infatti da due letture poco avvincenti che avevo lasciato a metà, determinata a non sprecare il mio preziosissimo tempo libero.

Io sono leggendaIl romanzo di Richard Matheson (edito da Fanucci) l’ho trovato nella libreria proibita del mio compagno, per gentile concessione del suo proprietario. Una vera e propria grazia, per certi versi. “Tanto è già un pò rovinato“, sono state le sue parole prima di prestarmelo.

La trama, probabilmente, la conoscete già. Si tratta di un piccolo romanzo horror che racconta la storia dell’ultimo uomo sopravvissuto ad una terribile epidemia che ha trasformato gli esseri umani in vampiri. Le pagine si fissano sulle vicende quotidiane di Robert Neville, il protagonista, che durante il giorno s’impegna a fare esperimenti per comprendere al meglio l’agente patogeno che ha provocato l’epidemia e dopo il tramonto si barrica in casa, mentre i non vivi si ammucchiano intorno alle sue mura in attesa di coglierlo in fallo e di avere il suo sangue.

Tra le righe sono palpabili la paura, la disperazione e, a tratti, la rassegnazione. La solitudine rende Robert sempre più duro e diffidente, capace di ammorbidirsi solo quando incontra un cane incredibilmente sopravvissuto all’epidemia. Proprio così! Perchè la malattia ha colpito anche gli animali. Comunque, passatemi lo spoiler, il cane muore anche nel libro. Non succede come nel film, per chi l’avesse visto, ma muore.

In effetti la pellicola con Will Smith è “molto liberamente tratta” dal libro e si potrebbe tranquillamente affermare che non c’entra quasi niente.

Insomma, nel film mancano importanti riflessioni di fondo che sono i capisaldi del romanzo. Pensiamo, per esempio, a questo un pover’uomo, solo tutto il giorno ad ammazzare i vampiri mentre dormono, che arriva a identificarsi con una sorta di mostro che coglie le sue vittime nel sonno. Ne consegue una nuova visione della normalità che, ebbene un pò spiccia, rende abbastanza il concetto di “Leggenda” che troviamo nel titolo.

 

Voto: 7

Positivo: ha un buon ritmo

Negativo: la trama lascia perti molti interrogativi (per esempio: perchè gli zombie non gli sfasciano la casa?) ma forse non ha troppa importanza.

 

Maia Fiorelli

9 giugno 2014