Photo by Jacob Friis Saxberg  -Creative Commons Attribution 2.0 Generic license.

Photo by Jacob Friis Saxberg  -Creative Commons Attribution 2.0 Generic license.

Avevate mai pensato che anche nella fredda Copenhagen è possibile fare il bagno d’estate, senza spostarsi fuori dalla città?Se fate un salto a Island Brygge, quartiere centrale che si affaccia sulla costa nord-occidentale, potrete imbattervi in bagnanti di tutte le età che vanno a rilassarsi al di fuori dell’orario lavorativo.

Island Brygge venne fondata nel lontano 1880 in seguito ad un insieme di opere di bonifica, ma per molti anni è stata considerata una zona di serie B, abbandonata al degrado caratteristico delle zone industriali e portuali.

Solo a partire dagli anni 2000 sono stati avviati una serie di lavori di riqualificazione, che l’hanno resa oggi uno dei quartieri più attraenti e alla moda, punto di incontro di famiglie e giovani. Nella zona recintata, le acque del porto vengono costantemente depurate e i livelli di inquinamento sono tenuti sotto controllo da un sofisticato sistema d’allarme per permettere a turisti e non di fare il bagno in tutta tranquillità.

Questo complesso è dotato di 5 piscine, di cui 2 riservate ai bambini, 2 per gli amanti del nuoto con le loro vasche di 50 metri ed una più profonda per i tuffi dai trampolini di 3 e 5 metri. Island Brygge è in grado di accogliere fino a 600 persone e nella zona antistante è presente anche un prato dove è possibile fare pic-nic e rilassarsi al sole. Di sera la zona si popola di giovani che vanno ad ascoltare della buona musica. D’estate la struttura è aperta dalle 7 di mattina fino alle 7 di sera.

Il quartiere ha un suo fascino caratteristico perché alterna vecchi edifici a strutture ispirate dall’architettura moderna, presentandosi come una zona ricca di contrasti e stimoli a livello culturale. Il progetto di recupero delle acque del porto è sicuramente il fiore all’occhiello di una città che ha saputo puntare sulla sostenibilità e la cura del proprio patrimonio naturale, ottenendo grande riconoscimento da parte della sua comunità per gli sforzi messi in campo.

Alessia – Tutto Green– Creative Commons

26 luglio 2013