EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Photo by Aktron / Wikimedia Commons. - Attribution ShareAlike 3.0

Photo by Aktron / Wikimedia Commons. – Attribution ShareAlike 3.0

Le Terme di Bad Waltersdorf in Stiria, nella regione Termenland Stiriana, già nel 1981, hanno iniziato a riscaldarsi con l’acqua calda delle fonti termali, per prime in tutta l’Austria.

Oggi tutta la zona che circonda le terme è a “emissioni zero” e garantisce a chi raggiunge il paesino di Bad Waltersdorf, abbracciato dal verde, non solo la possibilità di curarsi, e di guarire, con le acque, ma anche di respirare un’aria sana, pulita. L’acqua calda ora non scalda solo le terme ma anche l’asilo, la scuola, e c’è una centrale a biomassa, alimentata da scarti agricoli, che rifornisce di calore tutte le case.

Ci si sposta, poi, prevalentemente con le bici, anche elettriche, che si possono trovare a noleggio in tutti gli hotel. O con il bus e i pullmini che fanno il giro di ristoranti e Buschenschak, i ristori dei contadini: le automobili possono rimanere tranquillamente nei parcheggi.

Ma non basta. Chi pernotta nell’hotel delle terme, il Quellenhotel, può gustare i migliori prodotti del territorio: al buffet della colazione e della merenda di metà giornata, ma anche sul menù della cena, sono indicati la provenienza di carni, verdure, formaggi, mieli, pani, dolci, frutta.

I produttori sono prevalentemente locali e quasi tutti biologici. Perché salute e benessere sono strettamente legati all’alimentazione, ma anche perché chi lavora sul territorio, come i contadini, deve essere supportato concretamente.

In più nella Styrian Spa, la zona wellness “tipicamente stiriana” delle terme di Bad Waltersdorf, ci si può concedere trattamenti unici, ecologici.

In tutta la Termenland, infatti, è stato avviato un progetto di promozione e diffusione della TSM, la medicina tradizionale stiriana. In pratica si mettono in pratica, con successo, i vecchi “consigli della nonna” rinforzati, però, dalla consulenza di medici qualificati, usando esclusivamente ingredienti locali.

Ci sono, solo per fare qualche esempio, il magico 8, un massaggio con movimenti che riprendono la forma di un 8, con olio di zucca, studiato apposta per combattere lo stress e la sindrome da burnout, il massaggio al succo di mela e olio di lino, altamente disintossicante, o il trattamento con le pietre ollari, il miele e le erbe aromatiche, per riequilibrare il sistema immunitario, drenare e stimolare la circolazione sanguigna.

Erika Facciolla – Tutto Green– Creative Commons

6 settembre 2013