il-giardino-come-dio-comanda

Avete un giardino che vi fa sudare sette camicie? Passate l’estate a tosare il prato? Se vi voltate un attimo gli insetti assalgono le vostre rose? Il giardinaggio e la gestione dell’orto sono diventati una fatica costante? Forse è ora di farsi qualche domanda sul motivo per cui tutto sembra così difficile. La risposta, secondo Toby Hemenway, arriva dalla natura.

Se osservate una foresta scoprirete che in essa esiste un equilibrio di un’intelligenza secolare. Le specie vegetali e animali convivono in armonia ed il segreto sta in una magnifica cooperazione di numerose forme di vita.

Con il libro L’Orto-Giardino di Gaia (Arianna Editrice) imparerete a sfruttare i principi di permacoltura per passare dalle monocolture alle gilde in cui si creano dei veri e propri ecosistemi che funzioneranno con pochissima manodopera e attenzione. Il rispetto della natura vi pagherà coi suoi frutti facendo per voi quel che richiederebbe la vanga e l’uso di prodotti chimici.

Nel libro troverete anche numerosi esempi pratici e spiegazioni dettagliate per progettare il vostro orto giardino. Scoprirete poi come un melo non sia un semplice produttore di mele, ma anche di foglie, di ombra, di pacciame, di riparo: sarebbe quindi un vero peccato non metterlo assieme ad altre specie che ne possano trarre vantaggio (piante che sfruttino, ad esempio, la sua ombra per proteggersi dal sole estivo) o che ne potenzino la crescita (come le azotofissatrici che lo nutriranno).

Imparerete a fare in modo di recuperare l’acqua, a rendere il terreno più fertile e a progettare la vostra foresta commestibile in base allo spazio che avete a disposizione.

E non è finita! Romperete i filari e vi darete alle aiuole a buco di serratura che sono forme più furbe per sfruttare lo spazio, metterete l’aglio con i pomodori e questi saranno più sani. Creerete rifugi per gli uccellini e terrete a bada gli animali molesti con un po’ di astuzia naturale.

Il testo inoltre illustra in un esaustivo capitolo su come applicare i principi di permacoltura all’ambiente urbano per una società, si spera, sempre più rivolta a fare pace con la natura e a ricordarsi che ne fa parte.

Non mi resta che ricordarvi che la primavera è alle porte, quindi, buona lettura!

Maia Fiorelli