Ragni fritti, nidi di rondine, gelato all’azoto…e buon appetito!

Photo by Viajar24h.com (www.viajar24h.com on Flikr) Creative Commons

Photo by Viajar24h.com (www.viajar24h.com on Flikr) Creative Commons

Paese che vai, usanza che trovi perciò, se siete tra quelli che vogliono provare i piatti tipici di ogni luogo che visitano, nel corso della vostro girovagare potreste vederne delle belle.

D’altra parte uno dei piaceri del viaggio è quello di entrare in contatto con altre culture e allora perché non divertirci a immaginare un pranzo completo composto da portate fuori dal comune?

Antipasto:

Avete già l’acquolina in bocca? Bene, allora potremmo iniziare con una prelibatezza della cucina cambogiana, vale a dire i ragni fritti.

Queste delizie sono una specialità della cittadina di Skuon ma se ne trovano un po’ in tutto il paese.

Viene utilizzata una sorta di tarantola chiamata a-ping che ha più o meno la dimensione del palmo di una mano. Chi ha assaggiato questo piatto dice che il sapore è simile a un mix di pollo e merluzzo…non c’è male!

Primo:

Per i primi ci spostiamo in Cina per provare i nidi di rondine. Non si tratta di un modo fantasioso per chiamare chissà quale piatto, la ricetta prevede proprio di mangiare la casetta dei piccoli uccelli migratori. Ad ogni modo tranquilli perché queste creaturine non la costruiscono con dei rametti ma utilizzano prevalentemente la loro saliva. Prima di fare gli schizzinosi tenete conto che si tratta di un alimento prelibato e costoso che viene chiamato il caviale dell’est!

Secondo:

Questa volta peschiamo da una tradizione gastronomica natalizia tipica della Groenlandia e mettiamo in tavola il Kiviak, ricavato dalla carne grezza di un auk, simile ad un pinguino.

In questo caso gran parte dell’interesse sta nella preparazione infatti l’animale viene prima seppellito sotto una pietra, avvolto in una pelle di foca, finché non raggiunge un avanzato stato di decomposizione. Non vedete l’ora, vero?

Dolce:

Per concludere abbandoniamo la tradizione per una ricetta futuristica inventata a Manila: il gelato all’azoto liquido.

Disponibile in gusti insoliti come rosa, lavanda e perfino uova e pancetta sembra proprio quel che serve per concludere degnamente una mangiata di portata mondiale…

Marco Ragni

5 giugno 2013

Hai partecipato alla nostra lotteria? Ecco i numeri dell’estrazione del 26 maggio 2013!