Per l’edizione numero 10 di Play, il Festival del Gioco Intelligente tenutosi lo scorso weekend, parlano i numeri: oltre 40mila persone provenienti da tutta Italia, isole comprese, si sono date appuntamento nei padiglioni della Fiera di Modena per trascorrere un finesettimana ludico.

Come al solito c’era tanta curiosità per i nuovi titoli arrivati sul mercato: una valanga di giochi per tutti i gusti che si potevano provare ai tavoli appositamente allestiti.

 A fianco delle novità non mancavano, naturalmente, anche i grandi classici, quei pezzi pluripremiati che dovrebbero essere il fiore all’occhiello di in ogni ludoteca che si rispetti.

L’occasione era ghiotta per portarsi a casa un buon numero di giochi ad un prezzo stracciato: quasi tutti gli stand proponevano interessanti prezzi fiera e in diversi punti dei padiglioni erano stati allestiti dei veri e propri outlet con sconti davvero interessanti. Per accedere a questi paradisi del collezionista si doveva quasi sempre fare un po’ di coda, ma ne valeva la pena visto che la ricompensa era un’abbuffata ludica coi fiocchi.

Le due novità del 2018, Play Kids, area dedicata ai più piccoli e alle loro famiglie, e Play Trade, spazio riservato ai professionisti del settore, sono state il valore aggiunto a questa manifestazione che, anno dopo anno, ha consolidato la propria fama, diventando una tappa fondamentale del pellegrinaggio di ogni amante dei giochi: da tavolo, di ruolo, classici o altro.

L’appuntamento ora è per il 2019, e chissà cosa si inventeranno quei geniacci degli organizzatori in questi dodici mesi di attesa. Di sicuro non ci deluderanno, del resto non lo hanno mai fatto…