In corteo per i Desaparecidos con chi non si arrende all’oblio

Quel giorno di novembre, fuori dal Cafè Tortoni, si preparava un gran trambusto: una manifestazione, come a Buenos Aires ce ne sono tante, in nome dei Desaparecidos (gli scomparsi) e delle Madri di Plaza de Mayo.
Un gruppo di giovani, quasi tutti studenti, si stava riunendo per un corteo. Durante la manifestazione avrebbero portato, con decine di mani, un drappo lunghissimo, un terribile tappeto della morte, con le fotografie delle vittime della dittatura.
In piazza, più avanti, c’era una gran folla. Tutti i manifestanti sfilavano di fronte al palco da dove un uomo, munito di megafono, incitava alla lotta ed alla ricerca della verità.

Tutto ciò che accadeva quel giorno ha una sua motivazione. C’è infatti un gruppo di argentini che non si è ancora arreso, nonostante gli anni trascorsi, al baratro dell’oblio.

Queste persone manifestano ancora in nome di quei ragazzi scomparsi e delle madri e delle nonne che tuttora cercano delle risposte riguardo la scomparsa dei propri cari.
Dietro la manifestazione, la Casa Rosada, sede del governo. L’imponente edificio si era come rimpicciolito sotto il suono delle voci e del traffico ma, finita la ronda, ogni cosa sarebbe tornata come prima ed i morti, così chiamati in causa dai giacigli perduti, sarebbero tornati al loro sonno eterno.
Una forza incredibile muove ancora la popolazione di Buenos Aires a non darsi pace. Provavo rabbia e tenerezza ed osservavo assorta la gente camminare in tondo ed i canti e le parole di incitamento al megafono, mentre le lacrime mi rigavano le guance al ricordo di mia nonna che, quando ero piccina, in tempi ancora difficili, mi portava al partito e mi insegnava a non arrendermi mai e a lottare contro l’ingiustizia.
Quel giorno io c’ero, con le madri e le nonne di Plaza de Mayo, a ricordare una strage e chiedere ancora una volta una risposta e, ora che scrivo dalla mia comoda postazione europea, mi chiedo che volti avranno i manifestanti di oggi per i Desaparecidos.

Maia Fiorelli

21 maggio 2012

no images were found


Voto: 8
Positivo: Intorno alla Plaza de Mayo potrete visitare, oltre alla piazza, luoghi d’interesse storico e turistico come il Cabildo o la Casa Rosada, ma la vita di cui vive veramente questo luogo e quella delle voci e dei cortei di chi ancora non dimentica.
Negativo: La sensazione che un sentimento così puro e fragile venga spesso sfruttato politicamente.

Il Dulce de Leche prodotto in Italia:

DELIXIA S.r.l.

via Castellani, 13

65010 Spoltore (PE) – Italia

Tel.: +39-085-4971672 – Fax: +39-085-4971649

www.delixia.eu

Diventa Fan di DeliXia® su Facebook!

Dove acquistare vini e birra argentini:

VIA DELL’ABBONDANZA Import/Export
Via Mazzini 6 – 16031 Sori – GE
Tel: 0039-0185723491
Cel: 0039-3343077933
www.viadellabbondanza.com