Tra i sogni di vetro e acciaio dei più famosi architetti del mondo

Photo by onnola (on Flikr) Creative Commons

In quella città di “contrasti armonici” che è Berlino, pochi luoghi sono più rappresentativi di Potsdamer Platz

La capitale tedesca è rinata dalle ceneri delle sue tragedie passate con l’energia di una creatività che fa una certa impressione e non poca invidia.

Colta, elegante, austera ma comunque accogliente, la metropoli riesce a far convivere le sue molte anime come se fossero una sola.

Per cogliere al volo l’essenza di tutto questo non c’è posto migliore di questa piazza del quartiere Tiergarten, un luogo proiettato nel futuro dove i più importanti architetti della nostra epoca si sono sbizzarriti nel dare corpo alle loro più incredibili fantasie.

Per rendersene conto basta un’occhiata al Sony Center, avveniristico complesso di edifici progettato da Helmut Jahn: una Shangri-La di vetro e acciaio che al calare del sole si veste del fascino di mille luci.

Potsdamer Platz è anche il luogo adatto per godersi il panorama della città dall’alto. Salendo sulla Panoramapunkt, situata a 100 metri d’altezza, si può sorseggiare un caffè o una tazza di cioccolata, ammirando la seducente Berlino da una prospettiva vertiginosa.

Si arriva fino in cima attraverso il più veloce ascensore d’Europa. E anche questa è un’esperienza da non sottovalutare…

Marco Ragni

3 aprile 2013

 

Voto: 7,5

Positivo: il luogo ideale per comprendere l’armonia dei contrasti che è un tratto forte di Berlino

Negativo: chi cerca la Storia non è nel posto più adatto