20150903_193608-1100x825

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Viaggiare può essere stancante: alzarsi di buon ora, percorrere chilometri e chilometri, affannarsi per le coincidenze a rischio, correre contro il tempo…

Una mole esagerata di paesaggi da mettere a fuoco, sensazioni da assimilare ed attimi da vivere.

Ma quando hai giusto un minuto per poter rifiatare, quando ti appoggi per un secondo ed osservi un panorama che pare dipinto, i pensieri prendono il volo e la tua anima reclama un sospiro.

Questa è la parte di un viaggio che preferisco: il momento dei sospiri.

E’ il momento in cui prendi coscienza di ciò che hai visto, di ciò che hai vissuto e che non dimenticherai mai più. Come due amanti che raggiungono l’orgasmo insieme; è un attimo davvero, ma se c’è amore pare durare un’eternità. Ecco, io a Santorini ho trovato l’amore, ed ho vissuto forse l’emozione più intensa che un viaggio mi abbia mai regalato. E’ bastato che la nave si addentrasse nella nebbiosa caldera, è bastato vedere i primissimi scorci, per far scattare la scintilla.

E’ incredibile come un’esplosione vulcanica possa generare tanta bellezza. Dall’inferno al paradiso in “soli” – si fa per dire – 2 milioni di anni. L’isola originaria venne sventrata da una violenta eruzione, frammentandosi in 5 isolotti: Thera (nota coma Santorini), Therasia, Aspronisi, Palea Kameni e Nea Kameni.

Attraccati al porto di Fira, ci sono tre modi per raggiungere la cima: a piedi, a dorso di mulo, o con la funicolare. Morivo dalla voglia di andare in modo tradizionale, cavalcando un asino; ma dopo aver letto troppe notizie contrastanti circa il benessere degli animali, proprio non riuscivo a farlo in buona coscienza. Così ho preferito prendere la funivia. Poco male, dato che in questo modo ho potuto ammirare ancor più l’incredibile paesaggio. Mentre la costa occidentale di Santorini è contraddistinta dalle caratteristiche scogliere a picco, il litorale orientale discende lentamente verso il mare, e proprio qui si trovano le spiagge più belle dell’isola. Santorini è tra le isole più belle del mondo, una destinazioni che farà impazzire ogni amante del mare. Nonostante io sia Siciliano, non ho mai visto acque così cristalline in tutta la mia vita. Ancora una volta l’origine vulcanica di questa terra le conferisce un carattere distintivo di grande fascino: disseminate lungo la costa si trovano fenomenali spiagge di sabbia nera e rossa che si mescolano in maniera sorprendente con l’acqua chiara, regalando una vista mozzafiato. Tra le città più belle emerge Oia: amore a prima vista. Tutto ad Oia sembra perfettamente a posto. I tetti delle abitazioni creano un mosaico di colori e le vie del paese si intrecciano in un fitto labirinto. Se avrete modo di vedere dal vivo questo posto, vi troverete a vagare estasiati ripetendo a voi stessi quanto sia sorprendente tutto ciò.

Ho amato Oia alla follia, e penso che solo un folle potrebbe non apprezzare questo luogo speciale.

Anche il clima è perfetto, caldo e ventilato allo stesso tempo. Il sole è abbastanza forte da permettervi di abbronzarvi ma non troppo da causarvi fastidiose scottature. Alla sera l’aria diventa più fresca, il ché non guasta affatto, soprattutto dopo una frenetica giornata trascorsa tra spiagge ed escursioni.

Gli amanti del pesce apprezzeranno sicuramente la cucina tipica, con tantissime specialità prelibate a base di crostacei (freschissimi e deliziosi). Per la cena vale la pena trovare un ristorante sul mare, spenderete di più ma potrete immergervi in un’atmosfera sensazionale, soprattutto se vi trovate in compagnia del vostro amore. Santorini è perfetta per le coppie, una location dal sapore romantico ed assolutamente speciale, talmente bella da tirar fuori il meglio dalle persone: qui sarete pervarsi da pensieri dolci e sentimenti positivi…

Vincenzo Nicastro – A Nordest di che– Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

29 novembre 2015