Uno come Ray Bradbury non ha bisogno di presentazioni. In oltre mezzo secolo di carriera ha lasciato una massiccia eredità letteraria capace di segnare indelebilmente la letteratura fantastica e fantascientifica mondiale.

Alcuni mesi fa, Nicola Pesce Editore ha portato sul mercato italiano il volume Shadow Show, graphic novel interamente dedicata all’autore di Fahrenheit 451 e di altri indimenticabili capolavori.

Ecco perché abbiamo deciso di leggerla e cosa ci ha colpito.

  • Grandi firme della letteratura mondiale

Al tributo antologico hanno partecipato autori del calibro di Neil Gaiman e Eddie Cambell, non proprio degli illustri sconosciuti quando si parla di letteratura a fumetti. Questo ha garantito una forte personalità a ogni storia contenuta nel volume

  • Storie che vanno oltre le semplici trasposizioni

Ci si poteva aspettare una trasposizione a fumetti dei grandi classici di Bradbury, ma non era questo l’obiettivo della pubblicazione. Il libro raccoglie infatti nove storie che si basano sui temi forti dello scrittore, e solo alcune sono adattamenti, comunque originali, dei racconti del buon Ray. In altri casi ci troviamo di fronte a qualcosa di completamente nuovo, seppur creato nel segno di Bradbury.

  • Un formato elegante che non sfigura in libreria

Il volume si presenta come un bel cartonato con tanto di sovraccoperta, con pagine stampate su carta di buona qualità e interamente a colori. Se amate Bradbury può fare bella mostra nella vostra collezione.