Raggiungere le pendici del monte FitzRoy è una scarpinata che vale la pena

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Foto: longhorndave – Creative Commons (Attribuzione 2.0 Generico)

Foto: longhorndave – Creative Commons (Attribuzione 2.0 Generico)

Viaggiando a circa quattro ore di pullman a nord di El Calafate si raggiunge El Chalten, l’indiscusso punto di riferimento per il trekking andino e la variante locale dell’alpinismo: l’andinismo.
Affogato in una vallata tra stupende vette e pareti a strapiombo, il paese ha vagamente l’aria di una di quelle basi polari che si vedono nei film, composto com’è da edifici di tutti i tipi: case in muratura, baracche a volta di lamiera e capanne di legno col tetto spiovente
Da El Chalten si dipartono numerosissimi sentieri ed itinerari accessibili a tutti i tipi di preparazione fisica; quello scelto da noi, alla Laguna de los Tres, sarebbe stato mediamente impegnativo, se non fosse stato prontamente prolungato da un colpo di genio di me medesimo, che ci ha portato a casa belli stanchi!
Il sentiero, partendo dal confine dell’area urbana, ci ha condotti ad attraversare il campeggio libero in quota che fa da campo base a innumerevoli spedizioni di roccia, ma anche ad un numero ancor maggiore di campeggiatori naturalisti. Superato il campeggio si sale ancora fino ad arrivare, dopo un’estenuante scarpinata ripidissima, alle pendici del monte Fitz Roy, una delle vette forse più fotografate del mondo. Lo spettacolo sicuramente vale la salita!
Inutile tentare di refrigerarsi i piedi nel lago glaciale: non si riesce a resistere per più di tre secondi
Il colpo di genio di cui sopra è venuto al ritorno, quando ho pensato che potevamo prendere una deviazione e tornare a casa passando dall’altro lato delle lagune, con la prospettiva di affacciarci nella vallata adiacente e vedere l’altro monte simbolo della zona, l’inviolabile Cerro Torre. Purtroppo il Cerro Torre non si è degnato di uscire dalle nuvole per farsi vedere da noi, ma la gita è stata comunque molto piacevole, compreso l’allungamento.

Fonte: http://ulisse.wordpress.com (Creative Commons – Attribution-ShareAlike 3.0 Unported)

25 ottobre 2013