DSC_2269

Il bello di Davide Van De Sfroos è che lo puoi trovare una volta sul parco dell’Ariston a San Remo e un’altra su quello di una festa di provincia.

Ieri, per esempio, si è esibito a Castiraga Vidardo, paese di nemmeno tremila abitanti in provincia di Lodi.

Il concerto era una delle tappe del Van De Estaa Tùur, tournée “liberatoria al 100%”, senza vincoli di promozione di un nuovo album, dove il cantautore ha scelto di esprimersi con pezzi storici del suo repertorio.

In effetti il concerto di ieri ha riservato poco spazio ai pezzi di Goga e Magoga (oltre all’omonima canzone la scaletta prevedeva solo Ki, el calderon de la stria e il dono del vento) pescando invece a man bassa da album del passato e sfoderando brani classici come Nona Lucia, il costruttore di motoscafi, lo sciamano e ninna nanna del contrabbandiere.

Nonostante l’assedio incessante delle zanzare, Van De Sfroos ha stoicamente tenuto banco per due ore e mezza, mettendo in mostra tutta la sua verve e coinvolgendo il pubblico con brevi improvvisazioni. In più occasioni il Nostro si è cimentato i virtuosismi musicali fuori repertorio, grazie anche all’appoggio di una band “pronta a tutto” e capace di regalare ai presenti momenti da pelle d’oca.

E a tutto questo i fan – Cauboi e non – hanno risposto con altrettanto calore, riempiendo il prato davanti al palco e facendo sentire al gruppo tutta l’energia delle feste di provincia. Un energia che Davide, dal canto suo, conosce molto bene.


Marco Ragni

25 luglio 2015

Leggi la nostra intervista a Van de Sfroos

Per approfondire e scoprire le altre date del tour: il sito ufficiale di Van De Sfroos